I migliori vst/plugin da utilizzare

Scelta la daw con la quale realizzare le nostre produzioni, abbiamo bisogno di vst e plugin, il cui funzionamento verrà spiegato nei prossimi articoli.
Quelli che andremo a trattare saranno:

– Sylenth1, vst abbastanza leggero, che occuperà poco spazio in ram durante la creazione del progetto e con il quale sarà possibile ottenere svariati tipi di suono.

– Nexus2, un vst che include varie librerie di suoni di ottima qualità che possono risultare molto utili nelle nostre produzioni, tuttavia comporta un discredo consumo di memoria.

– ValhallaRoom, un plugin di riverbero di ottima qualità che ci consente di ottenere un suono più ampio. Non comporta un’eccessivo consumo di memoria e può risultare molto utile nelle produzioni, specie EDM.

Annunci

Scegliere il computer

In commercio possiamo trovare computer di qualsiasi tipo, ma per la produzione musicale necessitiamo di requisiti abbastanza alti se miriamo ad ottenere buoni risultati e vogliamo lavorare in modo tranquillo.
Le daw e i plugin, necessitano di molta ram e una grande potenza di calcolo (cpu). Sarà capitato spesso a molti di voi di abbandonare un progetto a causa del sovraccarico del pc durante la produzione.
I requisiti ideali dunque sarebbero un pc con: processore intel i7, 8 giga di ram (minimo), una scheda audio interna di buona qualità e volendo una buona scheda grafica (molti plugin tendono a sfruttare in maniera esagerata le nostre GPU).

Qualità delle produzioni

Prima di pubblicare la traccia su eventuali siti, portali o etichette discografiche, occorre ottenere un suono ottimale, che sia riproducibile in buone qualità su qualsiasi supporto, che sia di qualità o meno.
Per ottenere questi risultato non serve soltanto conoscere le tecniche ti mixing e mastering, ma avere anche supporti hardware che ti consentono un’ascolto preciso della traccia.
Prendiamo come esempio un paio di cuffie della apple, potranno anche avere una buona qualità ma hanno i loro livelli di suono, magari più bassi, magari più medi.
Serviranno dunque dei supporti che non modifichino in alcun modo il suono e che riproducano il suono che esce dalla nostra daw così com’è e che riescano a riprodurre tutte le frequenze.
Dobbimamo utilizzare questi tipi di supporti:
– Scheda audio esterna, servirà per riprodurre il suono in modo più preciso e pulito e a collegare i nostri dispositivi diriproduzione.

– Monitor da studio, tra le più gettonate le rookit.

– Cuffie da studio, le beats studio hanno un’ottima qualità ad esempio.

Questo in poche parole è il “kit base” del producer.
P.s. non bisogna riprodurre la traccia solo con cuffie o monitor da studio, ma a traccia finita, bisogna ascoltare con altri tipi di dispositivi, come lo stereo dell’auto o un paio di cuffie o casse qualsiasi.
Quando il suono è riprodotto al meglio su tutti i dispositivi, abbiamo ottenuto il risultato migliore.